Cosa pensano le candidate Miss USA dell’educazione scientifica nella scuola?

missusa2011

A parte una vecchia puntata di “Porta a porta”, in Italia ne abbiamo sentito parlare ben poco. Forse perché non ci riguarda da vicino, forse perché i ragazzi del “Grande Fratello” e le troniste sono più importanti, o forse perché, almeno in questo, il nostro stato è un po’ più avanti degli altri.

Infatti non tutti sanno che negli Stati Uniti si è acutizzata da diversi mesi una battaglia ormai vecchia di secoli: quella tra evoluzionisti e creazionisti. Il campo da gioco è quanto mai sconveniente e pericoloso: i programmi scolastici.

La faccio breve: i creazionisti credono che l’Universo, la Terra e l’Uomo siano i risultati di un intervento diretto di una divinità; tuttavia, a differenza del più diffuso pensiero moderno, (i più estremisti) rifiutano categoricamente ogni spiegazione scientifica, il metodo scientifico stesso e, più in particolare, la teoria dell’evoluzione.

Gli evoluzionisti riconoscono proprio nella teoria dell’evoluzione – riassunta nei principi della selezione naturale – il meccanismo naturale che spiega l’evoluzione della vita sulla Terra.

Definita questa premessa, ciò che sta accadendo negli Stati Uniti è un tentativo di riforma dei programmi scolastici che, tramite azioni legali e politiche, pretende la rimozione della teoria dell’evoluzione dalle materie scientifiche. Non solo Darwin e la sua selezione naturale non dovranno più essere insegnati, ma pure i capitoli di geologia ed astronomia dovranno essere rivisti imponendo agli insegnanti di non approfondirle perché – con le loro evidenze di milioni e miliardi di anni di storia passata – per non offendere la sensibilità dei creazionisti.

Sono un accanito sostenitore del rispetto tra gli uomini e dell’uso del buon senso nelle loro vite, ma questa non è affatto una questione di rispetto verso la sensibilità di terzi! La scienza, per quanto rappresenti il risultato di un metodo, è fondata su un ambiente fortemente democratico e di assoluta libera discussione; ha dei limiti, e ha dei punti che non comprendiamo ancora pienamente, tuttavia raggiunge risultati e consensi che non possono essere rimossi senza argomentazioni egualmente forti. Se grazie a 4000 anni di scienza abbiamo compreso che il Grand Canyon si è formato nel corso di milioni di anni, non ha alcun senso imporre agli editori di testi scolastici di censurare quest’informazione per non offendere i creazionisti!

Il dibattito negli Stati Uniti è cresciuto così tanto da coinvolgere l’intera nazione, arrivando pure ad essere la domanda principale rivolta alle 51 candidate Miss USA 2011. Purtroppo (in alcuni casi.. per fortuna!) non sono disponibili i sottotitoli in Italiano, ma in sostanza il video è una compilation delle risposte di ogni partecipante. Ecco il quesito: “Dovrebbe essere insegnata la teoria dell’evoluzione nella Scuola?”. Per la cronaca, la vincitrice Miss USA 2011 è stata Miss California, anche se non credo sia proprio stata la sua risposta pro-scienza a coronarla vincitrice…


Ma guarda un po’ la vita… Pur sapendo di andare in onda in tutta la nazione, quasi tutte le Miss hanno preferito dare la tipica risposta politica – “va bene sia questo che quello” – per accontentare entrambe le parti. Triste che venga fatto anche per una questione così delicata.

Naturalmente non è questa la sede per affrontare il punto del delicato del rapporto scienza-fede, anzi, un blog non mi permetterebbe né il contatto umano, né il contesto opportuno per affrontare questa discussione come mi piacerebbe. In ogni caso, non sarebbe nemmeno questo il punto.

Non si tratta infatti di decidere quale posizione sia in ragione e quale in torto, si tratta di stabilire qual è il tipo di educazione che vogliamo dare – tramite il sistema scolastico – ai nostri figli.

Ciò che trovo davvero deprimente è che, quella che forse è la nazione tecnologicamente più avanzata al mondo, si ponga il problema se insegnare o meno la teoria dell’evoluzione ai propri bambini. Ci potrebbe essere da discutere se eventualmente insegnare o meno le tesi creazioniste, ma qui si sta parlando di insegnare niente di più che la pura e semplice scienza: credo che su questo non ci sia proprio nulla da discutere.

Quello qui esposto è naturalmente un puro pensiero personale che, non solo non desidera, ma nemmeno non vuole imporsi su alcuno. Sono convinto che un buon blog non debba solo linkare ad altri siti, bensì anche stimolare il pensiero e alimentare la discussione. Spero di esserci riuscito.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...