Divulgazione scientifica

Sarebbe un vero peccato non farla!

Cos’e’ ?

Divulgare significa spiegare, in una forma e in un linguaggio comprensibili a chi ascolta, teorie, nozioni e studi che altrimenti rimarrebbero confinati ad un ristretto ambiente di specialisti.

Più in particolare, la divulgazione scientifica rappresenta l’attività di comunicazione rivolta a diffondere la cultura scientifica nel grande pubblico, a prescindere dalle motivazioni e dai mezzi che la promuovono.


Perche’ ?

Rimanendo sul piano razionale – doveroso, dato il contesto – esistono numerose ragioni per occuparsi di divulgazione scientifica:

  1. accrescere la percezione dell’importanza della scienza;
  2. rafforzane il radicamento nella società;
  3. diffonderne la peculiare metodologia;
  4. ridurre la diffusione della disinformazione e della superstizione;
  5. educare ad un maggiore rispetto verso la Natura;
  6. promuovere la ricerca scientifica;
  7. etc;

Sebbene tuttavia il piano razionale sia ricco di motivazioni che giustifichino ogni sforzo in questo senso, la vera spinta a divulgare arriva di fatto dal piano emotivo: la scienza è semplicemente troppo bella per non essere divulgata!


Raccontare la scienza

La divulgazione scientifica è dunque uno degli sfoghi più coinvolgenti della passione che gli scienziati hanno per il loro lavoro. La scienza non è noiosa, e nemmeno piatta: è un bacino di idee geniali, di storie affascinanti, di avventure e aneddoti, di successi e di insuccessi.

Raccontare la scienza non è solo un obbligo civile e morale, ma soprattutto un’inarrestabile condivisione di piacere e passione, un’occasione di totale immersione all’interno diemozioni positive: curiosità, allegria, divertimento e consapevolezza.

Il successo di una divulgazione scientifica di qualità è dato quindi, non solo dalla bontà del contenuto scientifico, senz’altro fondamentale ed irrinunciabile, ma soprattutto dalla qualità del racconto e dalla sua capacità di coinvolgere.


“Raccontare” è la chiave per coinvolgere, e “coinvolgere” è la chiave per una divulgazione scientifica di successo.

Dario Tiveron

Attivita': lezioni e conferenze

Con la conduzione di più di 700 lezioni divulgative per il pubblico generico, le scuole e l’università, più di 25.000 persone hanno incontrato e apprezzato questo modo personale di concepire la divulgazione scientifica.

Come dimostrato da studi di settore, la quasi totalità degli studenti che scelgono di approfondire le materie di fisica e astronomia all’università, lo fanno sulla scia di una spinta sviluppata sin in tenera età grazie al fascino che qualcuno seppe presentare loro.

Ogni lezione, ogni conferenza, ogni incontro con il pubblico altro non è che un’occasione – forse irripetibile – per cercare di affascinare, coinvolgere, incuriosire e aprire la strada verso la passione per ciò che la scienza ha da raccontare. In quanto potenzialmente unica, ogni occasione merita quindi di ricevere il più grande impegno ed il più grande entusiasmo che il divulgatore è in grado di dare.